Vuoi sapere chi sono?

Dario, 22 anni. Scrivo da quando mi sono accorto che tenere le cose in mente di solito non ha senso. Scrivere mi è sempre servito, per fare ordine e per creare caos. Credo nelle riflessioni, nei fallimenti e nelle perplessità. Il resto non credo sia importante.